. .

.      .

BLOG  e' la contrazione di “web log”, come dire giornale di bordo sul web’ quindi un insieme di pensieri “buttati” dentro una pagina web.
Il Log Book era il diario di bordo che si teneva sulle navi ai tempi in cui la cui velocita' veniva calcolata in base al numero di nodi posti a distanze regolari l’uno dall’altro che scorrevano  accanto alla nave in un minuto. Il numero di nodi si annotava nel Log Book.

Si possono avere diversi tipi di blog, Blog personale (diario), blog tematici, blog letterari, e altri tipi di blog.
Nel blog personale (blog diario) si scrivono le proprie esperienze giornaliere, racconti, desideri.

Pare che i blog diari costituiscano il 59% del totale, i blog tematici il 31% mentre i blog letterari il 10%.

divagazioni... considerazioni... discorsi  simili a quelli che facciamo durante i nostri viaggi in pullman, in aggiunta alle informazioni specifiche relative al viaggio in corso


. .
parte "postata" il 12 Agosto 2020
=========================

ma scritta in Aprile 2019 per il passaggio da Gradara durante il viaggio "Salento e Matera":

Sul colle di Gradara ("grata aura", aria buona), al confine tra Marche e Romagna, ci sono un castello e un piccolo borgo medievale con doppia cinta muraria, nella torre maestra c'e' la Sala delle Torture, negli appartamenti del piano nobile ci sono varie sale. Il castello fu residenza nobiliare dei Malatesta, di Giovanni Sforza, di Lucrezia Borgia e dei Della Rovere e luogo della leggendaria e tragica storia d'amore tra Paolo e Francesca, cantata da Dante nel V Canto dell'Inferno; la forza travolgente dell'amore contro la quale non c'e' volonta' che tenga (oggi la biochimica, la moderna psicologia, le teorie darwiniane possono chiarirci meglio questo fenomeno) spiega la simpatia di Dante per i due peccatori.

La storia di Paolo e Francesca
narrata da Dante Alighieri nel V Canto dell'Inferno
Amor, ch'al cor gentil ratto s'apprende,
prese costui de la bella persona
che mi fu tolta; e 'l modo ancor m'offende.
Amor, ch'a nullo amato amar perdona,
mi prese del costui piacer sì forte,
che, come vedi, ancor non m'abbandona.
Noi leggiavamo un giorno per diletto
di Lancialotto come amor lo strinse;
soli eravamo e sanza alcun sospetto
ma solo un punto fu quel che ci vinse.
Quando leggemmo il disiato riso
esser basciato da cotanto amante,
questi, che mai da me non fia diviso,
la bocca mi basciò tutto tremante.
Galeotto fu il libro e chi lo scrisse:
quel giorno più non vi leggemmo avante"...

ma narrata anche da Boccaccio che racconta che quando le famiglie dominanti di Ravenna e Rimini decisero di allearsi fecero unire in matrimonio, nel 1275, Francesca figlia del Signore di Ravenna con Giovanni Malatesta, Signore di Rimini, chiamato Gianciotto perchè "ciotto", sciancato. Secondo Boccaccio il matrimonio avvenne per procura e il procuratore fu il fratello minore di Gianciotto, Paolo Malatesta, cavaliere bello e cortese, gia' sposato con due figli, quando Francesca vide Paolo per un attimo credette fosse lui lo sposo e con ogni probabilita' fu amore a prima vista, un colpo di fulmine che colpi' entrambi i due futuri cognati, tra i quali ci fu per diversi anni un formale rapporto di amicizia, nel frattempo Francesca ebbe da Gianciotto una figlia che fu chiamata Concordia (una figlia con Patrimonio genetico assai simile a quello che avrebbe avuto una figlia nata da Paolo e Francesca) poi come racconta Dante il loro rapporto cambio' e Gianciotto, messo in allarme da un servitore, li colse in flagrante e li uccise.

L'Amore come fatto biologico e psicologico: "materialismo romantico" (che e' presente anche in Leopardi).

Amor, ch'al cor gentil ratto s'apprende

l'amore a prima vista, attrazione fisica, o colpo di fulmine puo' arrivare inaspettato all'improvviso, in una frazione di secondo, piu' forte della volonta' umana, talvolta bastano appena uno sguardo, un gesto insignificante ed anche meno, e si puo' provare a qualsiasi eta', per un amico/a, uno sconosciuto/a o una persona gia' impegnato/a, e non si tratta solo di una sensazione legata alle caratteristiche fisiche, puo' esserci anche per un trasporto emotivo molto forte, nonostante l'oggetto del desiderio possa essere quasi o totalmente sconosciuto/a e suscita una stretta allo stomaco (le cosiddette farfalle nello stomaco), una accelerazione del battito cardiaco e in meno di un secondo libera nel sangue neurotrasmettitori come ossitocina, adrenalina e dopamina, sostanze che generano un senso di benessere ma anche di eccitazione simile a quella generata da alcune sostanze stupefacenti.
L'attrazione fisica, un istinto primordiale strettamente collegato alla fertilità e alla procreazione
, .e' la inconsapevole ricerca di un completamento di se stessi in un'altra persona, e' il motivo per cui gli opposti si attraggono, e' una esigenza della specie cio' che attira con forza due individui; quando si prova questa emozione si attivano nel cervello le parti del piacere, le stesse stimolate anche dalle droghe o dal cibo.
Nella Grecia classica al fenomeno dell'innamoramento improvviso si dava questa spiegazione: sono gli occhi dell'oggetto del desiderio che inconsapevolmente lanciano dardi verso il potenziale innamorato/a se i dardi arrivano a destinazione, il destinatario/a si innamora, e' come se fosse stato Cupido (Eros, il dio dell'amore fisico e del desiderio sessuale) a scagliare le sue frecce d'amore. Pero' se l'oggetto del desiderio dopo aver lanciato i dardi resta disinteressato/a (si tratta di amore non corrisposto) quello che ormai e' l'innamorato/a puo' cadere in uno stato di dolore e depressione e sentirsi preso/a in giro. In tal caso l'innamoramento e' come una malattia da cui cercare di guarire il piu' presto possibile, ma questo puo' anche essere difficile.
Ricordiamo la favola mitologica di Amore e Psiche. Psiche era una fanciulla mortale talmente bella da essere da tutti onorata come fosse la Dea Venere la quale offesa chiese a suo figlio Eros (Amore. cioe' Cupido) di fare innamorare Psiche dell'uomo piu' brutto della terra ma Cupido, distratto dalla bellezza di lei, per errore colpi' se stesso e si innamoro' di Psiche, allora per non inquietare sua madre Venere Eros porto' Psiche nel suo palazzo e la costrinse a fare l'amore con lui soltanto al buio, senza rivelarsi, cosi' che Psiche si convinse di fare l'amore ogni notte con un mostro e, curiosa, una notte accese una candela e vide che il suo amante era invece il bellissimo Dio Amore che, scoperto, fuggi' lontano da lei, allora Psiche disperata, dopo aver tentato il suicidio, si consegno' a Venere che la sottopose a prove impossibili che tuttavia supero' grazie a una sequenza di aiuti esterni (l'aiutarono le formiche, l'Aquila di Giove, Eros che la risveglio' da un sonno artificiale profondo e poi da Proserpina e Giove in persona). Infine venne accettata tra gli Dei come Dea protettrice dell'anima,e sull'Olimpo fu celebrato il suo matrimonio con il Dio Amore, e tutti gli Dei collaborarono al banchetto: Bacco come coppiere, le Tre Grazie come musicanti, Vulcano come cuoco. E cosi' fu che Amore e Psiche ebbero una figlia che fu chiamata Volutta' (cioe' Piacere).

Bellezza si puo' definire come l'insieme delle caratteristiche che, percepite tramite i cinque sensi suscitano sensazioni piacevoli e le suscitano perche' appaiono utili a realizzare un obiettivo, se questo fosse per esempio il riprodursi nel modo migliore con un partner adatto (allora se poteste chiedere a un rospo un esempio di bellezza e lui potesse rispondere la risposta sarebbe probabilmente: "una femmina di rospo"), perche' "e' bello cio' che piace" e piace per qualche scopo; la bellezza è negli occhi di chi guarda.

. .
Amor ch'a nullo amato amar perdona

E' cio' che tutti vorremmmo. E anche se talvolta l'amore da' piu' sofferenza che gioia perche' nell'amore c'e' desiderio (che puo' restare inappagato come nel caso di amore non corrisposto), possiamo comunque considerare (nel significato piu' squisitamente biologico dell'amore) come vera questa affermazione dantesca anche se non sempre ci appare tale.
Se ci riferiamo alla teoria della selezione naturale, l'amore e' importante per la specie: tutto e' inconscio e istintivo, spontaneo, istintiva e' l'attrazione che ci spinge verso la persona che piu' di ogni altra compensa con le sue caratteristiche fisiche e psichiche quelle che l'inconscio ci fa sentire come nostre carenze, dandoci un appagante senso di completezza. La legge di natura (istinto) ci vuole imporre di riprodurci con la persona che piu' ci attrae per questo scopo, onde migliorare, attraverso la selezione naturale, l'adattamento della nostra discendenza alla sopravvivenza della specie, quella persona che ci completa e che si puo' amare per sempre anche senza andarci d'accordo nella quotidianita'.
Sarebbe questo il caso in cui si ama e si e' riamati, quando due, proprio loro due, si attraggono (si piacciono) reciprocamente perche' sono "fatti l'una per l'altro e viceversa", fatti quindi per migliorare insieme la specie (materialismo romantico).

. .
Noi leggiavamo un giorno per diletto
di Lancialotto come amor lo strinse;
soli eravamo e sanza alcun sospetto

quindi Paolo e Francesca si comportarono per qualche tempo da "amici". Ma ogni "amicizia" tra uomo e donna include sempre anche una componente sessuale, e puo' trasformarsi dichiaratamente in amore oppure pur continuando a chiamarsi amicizia puo' esplicitarsi in atti concreti (oggi la si chiama "scopamicizia" anch'essa una forma di amore) o esplicitarsi solo in parole piu' o meno vane ("amore platonico") o non esplicitarsi (semplice amicizia, nessun tipo di amore), quest'ultima forma si ritiene destinata inevitabilmente a concludersi fra recriminazioni e rimpianti di una delle parti.

. .
... ma solo un punto fu quel che ci vinse.
Quando leggemmo il disiato riso
esser basciato da cotanto amante,
questi, che mai da me non fia diviso,
la bocca mi basciò tutto tremante.

Galeotto fu 'l libro e chi lo scrisse:

considerando che non c'e' effetto senza causa possiamo pensare che:
a) tutto è dominato dal caso.
b) ci sono cose che dipendono da noi e cose che non dipendono da noi, ma le nostre scelte aprono a scenari futuri paralleli diversi.(e non va dimenticato che a ogni scelta corrisponde una rinuncia
e che ciò che decidiamo della nostra vita ha ripercussioni imprevedibili sulle vite altrui
c) tutto è predestinato (determinismo) ma sfugge alla nostra capacità previsionale (per "fare i calcoli" non possiamo conoscere tutti gli elementi,ricordiamoci della "farfalla che sbatte le ali causando cosi' un uragano" e ancor piu' la capacita' di elaborarli),l’astrologia e le arti divinatorie hanno sempre tentato invano di superare questo invalicabile confine.
Gli interrogativi che almeno una volta nella vita ci siamo posti tutti: “Se fossi stato…; se avessi fatto…”. Per chi crede nel determinismo sono domande assolutamente insensate, per la semplice ragione che è la Necessità a decidere, non puo' accadere altro che quello che accade. Per uno di quelli che si chiamano scherzi del destino, un evento apparentemente negativo puo' condurre a situazioni piu' favorevoli di quelle iniziate con un evento apparentemente positivo.
Si puo' invece pensare: "peccato che la Necessita' non sia stata diversa da quella che e' stata". Anche i rimpianti non hanno senso ma fanno parte anch'essi di cio' che deve accadere. Sliding Doors è un molto originale film del 1998 che tratta questi argomenti con simpatica leggerezza.

. .
quel giorno più non vi leggemmo avante"

Paolo e Francesca, abbandonata la lettura, si dedicarono attivamente alla pratica dell'adulterio.

L’adulterio esiste da quando esiste il matrimonio, e altrettanto il suo divieto a tutela della famiglia. Paradossalmente, quando il matrimonio era un contratto basato su vantaggi economici e sociali si ricorreva all'adulterio come spazio in cui cercare il vero amore, benche' l’infedeltà minacciasse la sicurezza economica e sociale. Oggi che il matrimonio è principalmente un accordo romantico, la relazione sentimentale oltre a un fatto passionale e' anche il modo in cui si desidera sopperire alle carenze affettive e si chiede che lui/lei sia amico/a, confidente, pari intellettuale ecc.. e ti consideri il/la prescelto/a, l’unica/o, l’indispensabile, l’insostituibile, la persona giusta. Quando scopriamo che il nostro partner non ci è stato fedele, il suo comportamento ci dice che non siamo nulla di tutto questo e cio' minaccia la nostra autostima e la nostra sicurezza emotiva. Oggi con i nuovi comportamenti sessuali il sesso si sta separando dalla procreazione e a volte anche dal sentimento. Nel nuovo approccio all'infedeltà, monogamia non significa piu' una persona per tutta la vita ma significa una persona per volta, quindi una «poligamia in successione» con unioni che si susseguono nel tempo, attraverso separazioni e divorzi, col vantaggio che ricercando un nuovo partner si puo' riprovare l’ebbrezza dell’innamoramento. Si puo' dire che la fedeltà è un modello culturale, l’infedeltà un modello biologico.Mentre gli uomini sono più gelosi del tradimento fisico (sessuale) le donne sono indispettite anche dalla infedeltà “emotiva”, qualora il proprio partner stringa un rapporto confidenziale con un’altra donna, anche senza implicazioni di tipo sessuale.

. .
L'amor che move il sole e l'altre stelle questo forse non c'entra niente, ma è l'ultimo verso del Paradiso e della Divina Commedia e qui l'amore e' inteso in un senso diverso.

. .

Un approccio originale sul tema dell'amore e' IL TRINOMIO DELL'AMORE SECONDO STERNBERG : Robert Sternberg, psicologo statunitense contemporaneo basandosi su 3 elementi combinabili tra loro (purche' almeno uno sia presente), individua sette modi di amarsi.

DEFINIZIONI:
- Passione (desiderio): tendenza alla ricerca dell’unione fisica (sessuale) e/o emotiva (romantica) con l’altro.
- Intimità (simpatia): conoscenza dell’altro e fiducia in ciò che e' e ciò che fa, preoccupazione per il suo benessere. e ciò che prova, esigenza di vicinanza e di mutua scoperta.
- impegno (volontà): di mantenere il legame, di superare le avversità e di non prendere in considerazione altre opzioni.

a seconda di come appare e si manifesta ognuno di questi tre elementi (se ne manca uno da parte di una delle due persone, anche se e' presente per l'altra l'elemento si considera come mancante per entrambe), le sette modalità sono:
- Relazione di simpatia. Si manifesta quando c’è intimità tra due persone, ma non esiste né passione, né impegno. Questo modo di amare è tipico dei rapporti d’amicizia. In generale, si tratta di relazioni che durano più a lungo, anche se non è coinvolto nessun impegno formale.
- Infatuazione. C’è passione, ma non esiste né intimità né impegno. “Amori a prima vista” di solito, relazioni brevi e scontate. Come indica il nome stesso, il sentimento può essere molto intenso e persistente, ma non profondo.
- Amore vuoto. non esiste passione, né intimità, ma c'e' impegno di entrambe le parti. Ci passano le coppie che stanno insieme da molto tempo.
- Amore romantico.
Ci sono passione e intimità, ma senza impegno. Manca la volontà di rendere vero il legame. In generale scompare quando si presentano avversità o difficoltà.
- Amore-amicizia. Ci sono intimità e impegno, ma non passione. A entrambi piace la compagnia dell’altro e hanno preso la decisione di mantenere questo legame, anche se non c’è desiderio sessuale o romantico. È un modo d’amare tipico dei grandi amici o delle coppie più mature.
- Amore fatuo.
Ci sono passione e un forte impegno, ma non c'e' intimità. Di solito, la decisione di rimanere insieme nasce dal desiderio sessuale o romantico, ma non dalla fiducia o dalla compatibilità. Queste relazioni sono tipiche delle persone molto insicure o dipendenti.
- Amore vissuto. Rappresenta il modello ideale d’amore, dove troviamo tutti e tre i componenti essenziali: passione, intimità e impegno. Sternberg sostiene che questo amore è poco comune, e che la cosa più difficile non è trovarlo, bensì mantenerlo. Per riuscirci, bisogna ricordare che l’affetto va manifestato di continuo e che deve essere alimentato.

. .

parte "postata" il 10 Luglio 2020:
=========================

. .
L'allegoria della barca che naviga tra due scogli (proposta dal virologo prof.Guido Silvestri) rappresenta bene la situazione della pandemia in Italia e in ciascuno dei vari paesi del mondo, la barca paese che naviga tra lo "scoglio diffusione del virus" (i danni alla salute) e lo "scoglio chiusura delle attivita'" (i danni all'economia), da pilotare nella direzione di evitare le peggiori  conseguenze  (naufragio contro l'uno o l'altro scoglio").
Il punto sulla situazione (suscettibile di continua evoluzione sia in senso positivo che negativo) potrebbe ancora basarsi sulle seguenti considerazioni, per valutare se la chiusura poteva essere diversa o limitata o evitata o se invece andava prolungata (e' pero' certo che le strutture ospedaliere devono, appena possibile,  essere rinforzate): ci sono state poche delimitate zone ad alta mortalita' la quale ha colpito degenti molto anziani e con patologie, infettati in  ambienti chiusi in un periodo con fattori climatici stagionali sfavorevoli.


La (nota) "parabola" persiana del vecchio con il nipotino e l'asino.
Un vecchio e il suo nipotino, abitanti sulle montagne, in un villaggio molto lontano, dovevano fare un lungo viaggio verso la capitale. A disposizione avevano solo un asinello. Si incamminarono piano piano con il bambino seduto sul dorso dell’asino e il vecchio che gli camminava accanto. Incontrarono subito delle persone che fecero i loro commenti ad alta voce “Guarda come viene educato male quel bambino, lui sta sull'asino, mentre il povero vecchio cammina a piedi.” Il vecchio non disse nulla ma fece scendere il bambino e sali' sull'asino. Incontrato un altro gruppo di persone di nuovo sentirono dei commenti: “Guarda quel vecchio, che egoista, lui sta sull'asino e il povero bambino, con le sue gambine corte, deve corrergli appresso….” Il vecchio, non commento', ma prese il bambino e lo fece sedere sul dorso dell’asino vicino a sé. Incontrato un altro gruppo di persone sentirono nuovamente dei commenti: “Hai visto quei due lì? Con un asinello così piccolo, gli stanno sopra entrambi, finiranno per sfiancarlo…” Allora il vecchio prese il bambino per mano, scese dall'asino ed insieme si incamminarono a piedi. Dopo un po' di strada incontrarono delle altre persone, che mentre si allontanavano commentarono ridacchiando: “Avete visto quei due lì? Devono essere proprio stupidi! Hanno un asino a disposizione e vanno a piedi..”  Percio'? non aspettatevi mai l’approvazione delle vostre scelte, meritata o immeritata che sia.

L’epidemia sommersa.
Il coronavirus (le cui tracce risalenti a dicembre sono state trovate nelle acque reflue di Milano e Torino e sembra anche di Parigi e forse di altre importanti citta') potrebbe non essersi originato dal mercato ittico della citta' di Wuhan. Tra l'altro dal 18 al 27 ottobre 2019 a Wuhan si è svolta la settima edizione dei Giochi militari mondiali, qui cinque atleti stranieri hanno avuto una febbre alta, sembrava malaria, poi a Wuhan sono apparse  le prime «polmoniti anomale» denunciate il 31 dicembre dai responsabili del sistema sanitario di Wuhan. Ma ben prima di Natale, verso meta' dicembre, un nostro conoscente, bergamasco, e' tornato da una crociera negli Emirati Arabi, con una «polmonite anomala» poi curata con cortisone e guarita. E' solo il 7 gennaio che le autorità cinesi hanno confermato di aver identificato un nuovo ceppo di corona virus. Il 10 gennaio l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS, WHO in inglese) ha diffuso la notizia dell’epidemia. Il 22 gennaio Wuhan e' entrata in quarantena,. 4 giorni dopo, il 26 gennaio, data fondamentale per il coronavirus in Italia, i primi sintomi di quella «remota» malattia sono apparsi a 46 milanesi e 543 lombardi. Il 29 gennaio sono stati ricoverati allo «Spallanzani» di Roma i primi due turisti cinesi «positivi» e il giorno dopo l’Italia bloccava i voli dalla Cina. Ma il Covid-19 circolava a Milano già dal 18 dicembre e forse in tutta la Lombardia.


la lettera dal Coronavirus all'Umanita'
https://www.youtube.com/watch?v=wUS9qr8kVpU letta in italiano e accompagnata da un bel video
(l'originale e' in inglese, a Letter From Covid-19 To Humans)
in italiano:
La terra sussurrò ma tu non sentivi.
La terra ha parlato ma tu non hai ascoltato
La terra ha urlato ma tu l'hai spenta.
E così sono nato ...
Non sono nato per punirti ... Sono nato per risvegliarti ...
La terra ha chiesto aiuto.
Era più importante avere l'ultimo iPhone che preoccuparsi di ciò che la Terra stava cercando di dirti
Ma ora sono qui. E ho fatto fermare il mondo sulle mie tracce.
Ti ho fatto finalmente ascoltare.
Ora sei come la terra ... Sei solo preoccupato per la TUA sopravvivenza.
E adesso… La Cina ha una migliore qualità dell'aria ... I cieli sono di un azzurro chiaro perché le fabbriche non stanno diffondendo inquinamento nell'aria terrestre. L'acqua a Venezia è pulita e si vedono i delfini. Perché le barche che inquinano l'acqua non vengono utilizzate.
Devi prendere tempo per riflettere su ciò che è importante nella tua vita.
Ancora una volta, non sono qui per punirti ... Sono qui per risvegliarti ...
Quando tutto questo sara' finito e me ne saro' andato ... Per favore, ricorda questi momenti ...
Ascolta la terra.

la trasformazione della natura attraverso i millenni ad opera dell'Uomo e' la conseguenza, fin dalla Preistoria, dell'applicazione delle scoperte e delle invenzioni, c'e' chi la chiama progresso e chi la chiama sviluppo, ma si potrebbe anche chiamarla con altri nomi... 

L'uomo nella sua arroganza si crede un'opera grande,
meritevole di una creazione divina,
piu' umilmente dovrebbe considerarsi discendente dagli animali.
(Charles R. Darwin)


La resistenza agli antibiotici (che tra l'altro non servono contro i virus mentre vanno adoperati contro i batteri), che si forma quando se ne abusa usandoli per cure inutili o eccessive o si assumono involontariamente tramite carne o pesce trattati con antibiotici negli allevamenti, e' un esempio di come opera l'evoluzione.


Pasteur diceva che il caso favorisce solo le menti preparate ma che dire se le altre menti (in particolare quelle viziate dai pregiudizi) possono rappresentare un ostacolo,  come nel caso del dottor  Semmelweis. (1818-1865), un medico ungherese che lavorava nella clinica ostetrica di Vienna (allora in Austria-Ungheria) e che noto' una sorprendente e preoccupante anomalia: morivano di febbre puerperale piu' puerpere visitate dopo il parto da medici o da studenti in medicina di quelle visitate da ostetriche. Indagando scopri' che i medici e gli studenti in medicina prima di visitare le partorienti andavano a esaminare i cadaveri delle donne morte di parto e intuita (nonostante non si conoscessero ancora i microrganismi) la causa della febbre obbligo' medici e studenti a lavarsi con cura le mani prima delle visite ottenendo immediati ed evidenti risultati favorevoli. In questo modo lui si era comportato perfettamente da scienziato (che dubita, indaga, scopre, dimostra) ciononostante la sua intuizione non fu accettata, fu accusato di aver dato disposizioni senza averne l'autorità e fu licenziato. Successivamente quando scrisse un libro sulla febbre puerperale la comunità scientifica dell'epoca gli si scagliò contro e Semmelweis finì per essere ricoverato in manicomio.

. .
le 24 domande e 24 risposte

dal pensiero di Anjezë Gonxhe Bojaxhiu (Madre Teresa di Calcutta), chi ha visto Calcutta nell'epoca in cui ci ha vissuto Madre Teresa puo' rendersi conto di quanta  forza d'animo fosse necessaria per mantenersi ottimista in un posto simile.

Il giorno più bello? Oggi.
La cosa più facile? Equivocare.
L’ostacolo più grande? La paura.
L’errore più grande? Lasciar perdere, disperare.
La radice di tutti i mali? L’egoismo.
L'occupazione piu' bella? L'operativita'.
La strada peggiore da seguire? Lo scoraggiamento.

La prima necessita'? Comunicare.
La felicità più grande? Essere utili agli altri.
Il mistero più grande? La morte.
Il difetto peggiore? Il cattivo carattere.
Il maggior pericolo? La menzogna.

Il sentimento più miserabile? Il rancore.
Il regalo più bello? Il perdono.
Quello indispensabile? Una dimora.
La via piu' veloce? Quella corretta.

La sensazione più piacevole? La pace interiore.
L’arma piu' potente? Il sorriso.
Il miglior rimedio? L’ottimismo.
La soddisfazione più grande? Il dovere compiuto.
La forza più potente? Avere fede.
Le persone più necessarie? I genitori.
La cosa più bella di tutte? L’amore.
originale in inglese in https://www.motherteresa.org
>

Le condizioni per ritornare alla completa liberta' d'azione e movimento, quasi "tutto come prima"  (il vaccino, le cure, la scomparsa del virus, l'immunita' di gregge).

Un vaccino che faccia produrre anticorpi specifici all'organismo di coloro a cui viene somministrato, vaccino che per il momento non c'e' ancora ma potrebbe esserci fra non molto, se ne stanno sperimentando diversi,  innovativi (come il vaccino a RNA e quello che usa un virus-vettore basati sul riconoscimento, da parte del nostro organismo, di una proteina del virus) e tradizionali (che usano il virus attenuato), notoriamente un vaccino non fa guarire ma rende immuni (dopo una brevissima "convalescenza") i sani ai quali viene somministrato. Pero' dopo essere stato trovato e provato (non deve fare ammalare chi lo riceve ma deve agire come una malattia leggera facendo cosi' produrre anticorpi specifici che difendano da  un attacco importante del virus) dovra' essere prodotto in grande quantita' per essere somministrato a tutti o quasi (con buona pace dei "NO-VAX"). Il primo vaccino della storia e' nato (come molte altre scoperte) dall'osservazione e dalla capacita' di affrontare dei rischi  (nel 1796 Edward Jenner osservò che le mungitrici che contraevano dalle vacche il vaiolo bovino, una forma molto più lieve di vaiolo, e successivamente guarivano, non contraevano mai il terribile vaiolo umano, egli provò quindi ad iniettare del materiale preso dalla pustola di vaiolo bovino in un bambino di 8 anni al quale la malattia non si sviluppo'. Circa 100 anni più tardi Louis Pasteur dimostrò (lui uso' per la rabbia del midollo spinale di conigli infettati con la rabbia) che per generare un'immunità verso un patogeno si potevano usare preparazioni microbiche opportunamente alterate.

La cura efficace e' il plasma  ricavato da persone guarite (per cui si stanno costituendo delle "banche" del plasma) che contenendo anticorpi specifici li trasmette ai malati (tra i primi casi noti di guarigione con il plasma quello del cantante Andrea Bocelli), fa guarire anche malati gravi (purche' fatto assumere al momento giusto prima che il virus abbia gia' danneggiato gli organi del malato) che fa guarire ma non rende immuni (i malati che guariscono con il plasma possono riammalarsi perche' ricevendo tramite il plasma anticorpi specifici che dopo un po' se ne vanno dal suo organismo che non e' stato stimolato a "programmarsi" per produrre lui, quando viene infettato dal virus, degli anticorpi specifici). Altre difficolta' sono che  bisogna accertare che il donatore sia sano per non trasmettere al malato altre malattie, ci deve essere compatibilita' tra donatore e ricevente e soprattutto ci dovrebbe essere abbastanza plasma disponibile per poter curare tutti i malati gravi.
Sono i malati che guariscono spontaneamente quelli che una volta guariti possono donare il plasma che contiene gli anticorpi capaci di far guarire, loro intanto restano immunizzati come se avesse roricevuto una vaccinazione con il tanto atteso vaccino che si sta cercando di inventare, ma ciononostante possono ugualmente diventare portatori sani infettivi per chi non si e' ancora ammalato.

Un indebolimento o una spontanea scomparsa del virus (che non e' da escludere ma e' piu' facile da affermare che da dimostrare).

La (ipotizzata) immunita' di gregge ("tutti guariti dopo essere stati tutti ammalati") che e' difficile da accertare si formerebbe senza conseguenze se potesse accadere che tutti si ammalassero ma non proprio tutti contemporaneamente e non in forma grave, che gli ammalati non contaminassero nessun altro in forma grave (altrimenti andrebbe in crisi il sistema sanitario), e che guarissero tutti spontaneamente.

. .

. . 

parte "postata" il 15 Luglio 2020:
=========================

Il futuro dei viaggi.. .
. .
OSTACOLI E RESTRIZIONI A VIAGGIARE in gruppo

il futuro dei viaggi, in particolare dei viaggi in gruppo, dipendera' dalla capacita' dei trasporti, dell'ospitalita', della ristorazione, delle visite e del passaggio delle frontiere di tornare o avvicinarsi al funzionamento e alla gradevolezza che avevano prima del Coronavirus. Da parte nostra siamo pronti a riprendere i viaggi con immutato entusiasmo e l'impegno di sorvegliare che siano messe in pratica tutte le necessarie misure di sicurezza, prima fra tutte la sanificazione degli ambienti e delle "superfici", nonche'quella delle mani, con gel apposito, e dell'eventuale impianto dell'Aria Condizionata con un adeguato scambio d'aria con l'esterno, la purificazione di quell'aria che viene riciclata all'interno, la frequente pulizia dei filtri e per ogni iniziativa si richiede di conservare per 14 giorni un elenco dei partecipanti. Per quanto riguarda la destinazione si ritiene che in questo momento per le vacanze sia meglio preferire l'Italia all'Estero, la vicinanza a casa alla distanza, la montagna al mare, i mezzi privati ai mezzi pubblici, il soggiorno in appartamento a quello in hotel (ed e' stata perfino inventata una nuova forma di campeggio, il "glamping", glamour camping).
Perche' ora ai normali problemi tra cui i rischi (che ci sono sempre stati) di ammalarsi prima della partenza  e dover rinunciare a partire perdendo i pagamenti per servizi di trasporto o di soggiorno non rimborsabili (come certe tariffe aeree o certi soggiorni prepagati) o di ammalarsi dopo la partenza (subito dopo la partenza o a meta' o alla fine del viaggio) e dover interrompere il viaggio conseguentemente "rovinato" perdendo i pagamenti si aggiunge il rischio anche per un leggero malessere come febbriciattola o raffreddore (che non si puo' escludere) di essere messi in quarantena (normalmente di 14 giorni) obbligatoria all'estero da scontare "ai domiciliari", nell'alloggio dove ci si trova in quel momento o in un alloggio predisposto appositamente), con conseguenze anche economiche pero' limitabili con una opportuna integrazione all'assicurazione sanitaria, bisogna informarsi prima di partire onde essere consapevoli.
Purtroppo non si vede ancora la possibilita' di un "passaporto sanitario" (una certificazione sanitaria) personale
non essendo possibile certificare la non contagiosita' tramite tampone (che ha validita' solo temporaneao) o tramite test sierologici che diano l'esito in pochi minuti (che per ora non ci sono ma potrebbero arrivare presto).

- i trasporti (si puo' partire solo se si e' perfettamente sani, alla partenza prima di salire sul mezzo deve essere controllata la temperatura corporea  che deve essere inferiore a 37,5 °C) sono possibili con i seguenti principali mezzi:

con AUTO propria oppure noleggiata o in taxi  dove si puo' viaggiare in tanti quanti ne porta la macchina e senza mascherina solo se tutti conviventi (il c.d. nucleo familiare) oppure al massimo in due (guidatore e uno dietro) o in tre: (guidatore e due dietro distanziati se auto da 5) o in quattro: (guidatore e suo convivente davanti e due dietro distanziati se auto da 5) con mascherina, guidatore e passeggero distanziati il passeggero dietro a destra, importante la sanificazione l'igienizzazione dell'impianto di condizionamento.

in TRENO si viaggia nel rispetto delle regole generali con mascherina, sanificazione (inclusa quella dell'impianto di condizionamento) e distanziamento curati dalla Compagnia dei trasporti, mentre la ristorazione a bordo (dove era prevista) e' temporaneamente sospesa o limitata. Nel caso di grande affluenza di viaggiatori puo' diventare difficile, nel caso di prenotazione obbligatoria, trovare posto al momento della prenotazione e  puo' diventare difficile, ove la prenotazione non e' obbligatoria, trovare posto al momento di salire a bordo perche' si puo' salire solo finche' ci sono posti disponibili (occupabili).

in PULLMAN  in servizio pubblico di linea nazionale e internazionale o in pullman noleggiato privatamente con autista (dove per garantire il distanziamento interpersonale di un metro l'occupazione dei posti fino al 14 Luglio 2020 era limitata a poco piu' della meta' (60%) dei posti disponibili sul mezzo, limite ora superato (pur dovendo cercare di mantenere il maggior distanziamento possibile tra i passeggeri) con una autocertificazione (in pratica la dichiarazione di essere sani) dei passeggeri, si viaggia nel rispetto delle regole generali (che devono essere curate dalla Compagnia dei trasporti) con mascherina chirurgica (da sostituire con una nuova ogni 4 ore) necessaria per il distanziamento tra le respirazioni dei passeggeri (anche se guardarsi con la mascherina in volto e' spiacevole forse ormai e' gia' una abitudine), sanificazione interna del mezzo incluse le superfici interne che si toccano frequentemente, accurata quella dell'impianto di condizionamento (in cui va evitato il riciclo dell'aria), disponibilita' di prodotti per frequente sanificazione delle mani dei passeggeri., indumenti e oggetti personali di persone diverse non devono entrare in contatto. Obbligatoria l'autocertificazione dei passeggeri di non essere affetti da COVID-19 ne' avuto contatti negli ultimi 14 giorni con persone infette (va inoltre conservata la lista dei passeggeri per 14 giorni dopo il ritorno), obbligo di segnalarsi all’Autorità sanitaria competente in caso di sintomi negli 8 giorni dall'arrivo a destinazione.
Durante l'intero viaggio permane tuttavia il disagio nelle aree di servizio ove le soste sono indispensabili (e le code inevitabili) con assembramenti ai servizi igienici, al ristorante, al bar e alle casse per pagare.

in AEREO i servizi sono ripartiti progressivamente, per primi i voli domestici (in Italia) e quelli a corto raggio (in Europa), per ultimi quelli verso paesi lontani (il resto del mondo). Si viaggia con autocertificazione dei passeggeri di non essere affetti da COVID-19 ne' avuto contatti negli ultimi 14 giorni con persone infette senza più obbligo di distanziamento di un metro a bordo, con mascherina chirurgica obbligatoria (da sostituire ogni 4 ore con una nuova) e sanificazione interna degli aeromobili (inclusa quella dell'impianto di condizionamento) come quella utilizzata nelle sale operatorie, curata dalla Compagnia Aerea che fin dalla prenotazione assegna i posti (distanziati ove possibile). A bordo la ristorazione (cibi e bevande) se non e' sospesa e' limitata ad alimenti preconfezionati. E' da evitare il contatto tra gli indumenti personali dei viaggiatori nelle stesse cappelliere.Molte compagnie hanno deciso, per un certo periodo, di non applicare penalita' per modificare le date del volo. Molte permettono ancora di portare gratuitamente un bagaglio a mano a persona nella cappelliera ma quando deve essere cosi' piccolo da poter stare sotto il sedile davanti a se', non e' in grado di sostituire una valigia che invece si paga.

in NAVE  (navi, traghetti, battelli e barche) si viaggia, come in aereo e in pullman, nel rispetto delle regole generali (con sanificazione e distanziamento obbligatorio curati dalle Compagnie dei trasporti. Potrebbe invece essere piu' difficile organizzare crociere a causa della necessaria quarantena conseguente a eventuali contagi a bordo.

. .
- l'ospitalita'  la situazione fa  prevedere che i soggiorni (ma anche i tour) saranno tendenzialmente piu' brevi di prima (dal “weekend lungo” alla settimana, raramente piu' lunghi)
in questo settore dell’OSPITALITA' (alberghi, etc.) saranno necessarie misure di sicurezza come sanificazione degli ambienti (aree comuni in particolare) con prodotti disinfettanti d’uso comune, come alcol etilico o ipoclorito di sodio, delle superfici toccate con maggiore frequenza (corrimano, interruttori della luce, pulsanti degli ascensori, maniglie di porte e finestre) e delle persone (personale e ospiti) che abbiano possibilita' di disinfettarsi frequentemente le mani in particolare nei punti di ingresso e di pagamento, distanziamento respiratorio con mascherina al check-in, nelle parti comuni e alla prima colazione (dove al posto del tradizionale buffet self service si preferira' farlo servire dal personale al banco o servire ogni ospite al proprio tavolo, e la modalità self-service consentita solo con prodotti confezionati in monodose, tavoli disposti secondo le distanze di sicurezza e ospiti con mascherina fino al momento di sedersi al tavolo mentre per le sistemazioni in camera gli abbinamenti nelle camere sono lasciati alla responsabilità individuale sia nelle doppie che in quelle a due o piu' letti anche per chi non costituisce una coppia o un  nucleo familiare (i "single", i semplicemente amici o amiche o conoscenti).

. .
- la ristorazione  importante nelle iniziative di gruppo, dove la convivialita' e' un elemento essenziale. Si pensa che la maggior parte dei ristoranti riapriranno, pero' con qualcosa in meno (orari e giorni di attività ridotti, meno coperti e menù meno ricchi), nel contempo, al contrario, si rinforzera' la ristorazione take-away).
Nei BAR e RISTORANTI  i gestori devono curare la sanificazione (inclusa quella dell'impianto di condizionamento dove va evitato il riciclo dell'aria) dell'ambiente e delle persone (che possano disinfettarsi frequentemente le mani in proposito dovrebbero procurare la lista del menu sanificabile oppure "usa e getta") e il distanziamento obbligatorio (respiratorio con mascherina) tra i clienti, di almeno un metro (poco o troppo secondo i casi), per quanto riguarda le mascherine non piu' obbligatorie una volta seduti a tavola, 4 persone dovrebbero avere 10 metri quadri a disposizione e dovrebbero sedersi schiena contro schiena.


- le visite (difficoltose per gruppi numerosi di cui mantenere l’elenco delle presenze per un periodo di 14 giorni, preferibile una preventiva prenotazione a monumenti, mostre e musei  agli spettacoli dal vivo (come i concerti), le conferenze, gli eventi e le competizioni sportive, le sagre paesane con relativi mercati all'aperto (nel caso di acquisti con scelta in autonomia e manipolazione del prodotto da parte del cliente, dovra' essere resa obbligatoria la disinfezione delle mani prima della manipolazione della merce; in alternativa, dovranno essere messi a disposizione della clientela guanti monouso da utilizzare obbligatoriamente), etc.
nei LUOGHI APERTI (strade e piazze di citta', teatri all'aperto, arene, spazi naturali) le visite (in Veneto prima che in Lombardia dove il diverso andamento  conseguente alla diversa gestione della crisi ha costretto a mantenere piu' a lungo le precauzioni con obbligo della mascherina anche all'aperto) si possono effettuare senza mascherina  come una volta  rispettando soltanto il distanziamento e la sanificazione (frequente disinfezione delle mani)
nei LUOGHI CHIUSI (saloni e sale, aule, musei, teatri etc.), ambienti sanificati obbligatoriamente da chi ne ha la gestione, le visite si possono effettuare con
un ricorso frequente all’igiene delle mani, obbligo della mascherina, rispettando il distanziamento ed evitando comunque di accalcarsi per non formare assembramenti, mascherina per guida e per i partecipanti.

. .
- le frontiere
dal 15 Giugno 2020 e' permesso lasciare l'Italia per raggiungere un paese estero dell'unione europea e, benche' la maggior parte delle frontiere europee siano state riaperte, chi lascia l'Italia deve comunque verificare che non siano state introdotte restrizioni che non c'erano o ripristinate altre che erano state tolte e se ci sono obblighi di quarantena sul posto quando si arriva e qualora ci si ammali, d'altronde la possibile insorgenza di "focolai" in Italia potrebbe provocare delle esclusioni improvvise e impreviste da parte del paese estero e naturalmente puo' verificarsi anche il viceversa. Questa incertezza non puo' far altro che convincere noi italiani che vogliamo fare turismo ad andare alla riscoperta del nostro ancora bellissimo paese (la natura piu' vicina, l'arte anche nelle località meno battute, i borghi antichi, i particolari stili di vita) malgrado i continui "sforzi" (attraverso il "favoreggiamento" delle speculazioni private rispetto all'interesse pubblico) per rovinarlo.
dal 1° Luglio 2020 e' permesso lasciare l'Italia per raggiungere paesi extraeuropei e per questi e' ancora piu' importante verificare prima di muoversi se le frontiere sono aperte e che non siano state introdotte (per chi proviene dall'Italia) restrizioni che non c'erano o ripristinate restrizioni che erano state tolte (come obbligo di visto o di qualche procedura simile, etc.) inoltre se ci sono (e quali e di quale durata secondo i casi) obblighi di quarantena sul posto quando si arriva e qualora ci si ammali, e si puo' farlo nei siti delle relative ambasciate e consolati del paese che si vuol visitare o attraverso i quali si deve passare oppure andando a vedere l'apposito sito della Farnesina (il ministero italiano degli Affari Esteri) http://www.viaggiaresicuri.it  (che potrebbe essere incompleto perche' attualmente sottoposto a una continua revisione dovuta alla imprevedibile variabilita' della situazione)  oppure nel sito (in inglese) curato dalla IATA International Air Travel Association   https://www.iatatravelcentre.com/international-travel-document-news.htm
entro il quale cliccare su COVID-19 Travel Regulations Map e poi, nella mappa, sul paese che interessa per
trovarne situazione e condizioni, senza dimenticare che possono verificarsi esclusioni improvvise e impreviste da parte del paese estero e naturalmente puo' verificarsi anche il viceversa (infatti fino al 14 luglio 2020 erano consentiti gli arrivi in Italia solo da Stati UE o dell’accordo di Schengen e dal Regno Unito e Irlanda del nord, Andorra, Principato di Monaco;  San Marino e Città del Vaticano, vietati gli spostamenti (a meno che non ci siano motivi di lavoro, di salute o di studio) da tutti gli altri Stati (pero' applicando quarantena fiduciaria cioe' isolamento precauzionale di 14 giorni, questo anche per gli italiani che rientrano dopo essere passati negli ultimi 14 giorni da uno di questi altri stati) cosi' gli USA che non  fanno una questione di cittadinanza ma di provenienza (anche se solo in transito) e poi sono stati improvvisamente e temporaneamente esclusi almeno fino al 31 Luglio 2020 altri 13 Stati (Armenia, Bahrein, Bangladesh, Brasile, Bosnia Erzegovina, Cile, Kuwait, Macedonia del Nord, Moldova, Oman, Panama, Perù, Repubblica Dominicana), tanta incertezza e confusione riguardante l’apertura delle frontiere di alcuni Paesi e sul comportamento che si puo' tenere una volta arrivati a destinazione ha convinto moltissimi turisti (italiani, europei ed extraeuropei) ad abbandonare per quest’anno obiettivi esotici a favore di una riscoperta del proprio paese.

- i viaggi di lavoro saranno di conseguenza ormai quasi sempre sostituiti (cosa non irrilevante) da video conferenze.



 

parte "postata" il 21 Aprile 2020
========================

"nella vita tutto accade per caso" sono le parole con cui inizia la bella dedica fattaci sul volume che racconta l'arte presente in Acireale e dintorni che l'autore, per due volte sindaco della citta', con tanta eleganza ci ha regalato in occasione di un incontro fortuito avvenuto durante un viaggio in gruppo organizzato per Capodanno in Sicilia.

Se questo sia vero e' una domanda a cui puo' essere molto arduo dare una risposta.

Quelli che seguono sono solo spunti in merito, buttati si puo' ben dire a caso, quasi un DELIRIO, ciascuno pone ulteriori domande e richiede ben maggiori e migliori approfondimenti e chiarimenti

il virus e' apparso in Cina, li' (cosi' pare) c'e' stato il salto di specie (la zoonosi) dovuto al caso o al caos, ma poi si e' diffuso qua e la' (perche' di piu' in certi posti e di meno in certi altri? per caso, caos o altro?). C'e' molto di piu', di altro o di meglio da dire? CERTAMENTEEE.

. .

Le spiegazioni sui VIRUS (cosa sono, come sono fatti, come dobbiamo difenderci, eccetera) ci vengono date tutti i giorni da esperti qualificatissimi (biologi, medici, scienziati, ricercatori, ecc.) il co-scopritore, Charles Darwin spesso espresse con chiarezza e semplicita', alcune sorprendenti (come l'utilizzo dei virus nella ingegneria genetica e simili, virus che cosi' si rivelano insospettabilmente utili per certi scopi) altre anche allarmanti come quelle riguardanti le possibili mutazioni dei microrganismi (virus e batteri e protozoi) che in tal modo diventano (loro si') "immuni" alle nostre medicine e ai nostri anticorpi, mutazioni che, essendo una delle fasi fondamentali (replicazione, mutazione, selezione) dell'evoluzione su cui si basa la vita, a cui anche i microrganismi come tutti i viventi, "obbediscono", potrebbero metterli in condizione di attaccarci nuovamente con una prossima epidemia o pandemia. C'e' molto di piu', di altro o di meglio da dire? CERTAMENTEEE


C'e' chi si e' ammalato, chi e' guarito, chi e' morto. E' stato il caso a scegliere o si poteva prevedere chi e chi e chi? Manzoni durante la peste da lui descritta nei Promessi Sposi fa dire "a chi la tocca la tocca". Le molte pestilenze che hanno afflitto nel passato il genere umano sono state spesso interpretate come un Castigo Divino. Oggi qualcuno parla di esagerato inquinamento, di rivalsa della Natura a cui si e' mancato troppo di rispetto e cosi' via. C'e' molto di piu', di altro o di meglio da dire? CERTAMENTEEE

Il modo in cui il virus si e' diffuso in Italia prima qui e poi la' e' stato "casuale"? o "caotico"? che differenza c'e' tra "caso" e "caos"? Al primo si fa spesso riferimento nei giochi (di carte, dei dadi, della roulette e cosi' via) e si associa alla fortuna e al calcolo delle probabilita' (pero' quest'ultima e' associata anche al principio di indeterminazione del mondo subatomico caro a chi sostiene la meccanica quantistica e non accettato da Albert Einstein (in quanto grande sostenitore del determinismo) che affermo' di non poter credere che Dio "giochi ai dadi"). Si rirtiene che il determinismo e il libero arbitrio si escludano a vicenda. Ma esiste anche una teoria del caos. C'e' molto di piu', di altro o di meglio da dire? CERTAMENTEEE

Il determinismo, nella scienza e in filosofia, sostiene che in natura nulla avviene per caso, invece tutto accade secondo rapporti di causa effetto, quindi esattamente il contrario di quanto proposto all'inizio. Allora ci sarebbe incompatibilità logica tra il caso e il determinismo fisico? E se non ci fosse incompatibilita', se si trattasse di un equivoco? Non e' che forse qualunque progetto dovrebbe tener conto di entrambi gli aspetti? C'e' molto di piu', di altro o di meglio da dire? CERTAMENTEEE

SARA' VERO O FALSO CHE QUALUNQUE SCELTA O DECISIONE COMPORTA UNA RINUNCIA  E  UN ERRORE (almeno parziale)?

Un sistema caotico è (o sarebbe) quindi l'impredicibilità, IMPREVEDIBILITA' delle traiettorie del sistema, dovuta alla forte sensibilità rispetto alle condizioni iniziali. Comportamenti caotici si incontrano soprattutto in meteorologia, climatologia, ecologia. La teoria del caos si applica in molte discipline: tra cui matematica, fisica, chimica, biologia, dinamica di popolazione, informatica, geologia, ingegneria, economia, finanza, filosofia, politica, psicologia, robotica, eccetera. Effettivamente il maltempo ha avuto un determinante influsso sull'esito di molte battaglie; solo per fare qualche esempio la sconfitta della "invincibile armata" di Filippo II contro Elisabetta I, la sconfitta di Napoleone a Waterloo. C'e' molto di piu', di altro o di meglio da dire? CERTAMENTEEE

Il clima ha sempre influito anche sulle epidemie. Manzoni raccontando la peste (procurata da un batterio contagiosissimo che gradiva il caldo e temeva il freddo) del 1630 ricorda la processione dell'11 giugno 1630 dopo la quale aumentarono contagi e decessi, allora fu data ancora una volta la colpa agli "untori". Fu solo grazie alla pioggia e alle condizioni climatiche più rigide che all'inizio del 1631 l'epidemia fini' quasi improvvisamente. Forse anche nel caso del coronavirus potremmo sperare nel clima, in questo caso nel caldo ma gli esperti ci dicono che non sara' cosi'. C'e' molto di piu', di altro o di meglio da dire? CERTAMENTEEE

E quando si dice che una farfalla sbattendo le ali nel Pacifico puo' provocare un uragano nei Caraibi si parla di conseguenza dovuta al caso o al caos? significa che "il battito d' ala d' una farfalla avrà per effetto, qualche tempo dopo, di modificare completamente lo stato dell' atmosfera terrestre". Un fenomeno meteorologico?". Puo' il battere delle ali di una farfalla in Brasile provocare un tornado in Texas? fu il titolo di una conferenza tenuta dal matematico e meteorologo Edward Norton Lorenz ("padre" della teoria del caos) nel 1972. Puo' un semplice movimento di molecole d'aria generato dal battito d'ali dell'insetto causare una catena di movimenti di altre molecole fino a scatenare un uragano, magari a migliaia di chilometri di distanza? C'e' molto di piu', di altro o di meglio da dire? CERTAMENTEEE 

eccola-la-farfalla Alan Turing, in un saggio del 1950 «Lo spostamento di un singolo elettrone per un miliardesimo di centimetro, a un momento dato, potrebbe significare la differenza tra due avvenimenti molto diversi, come la morte di un uomo un anno dopo, a causa di una valanga, o la sua salvezza» anticipava questo concetto.

In matematica e fisica l'effetto farfalla racchiude in sé la nozione di dipendenza sensibile alle condizioni iniziali, presente nella teoria del caos. L'idea è che piccole variazioni nelle condizioni iniziali producano grandi variazioni nel comportamento a lungo termine di un sistema. Di questo ci dovremmo accorgere anche nelle piccole cose della nostra vita quotidiana, un avvenimento inaspettato apparentemente insignificante puo' modificare profondamente tutta la nostra vita successiva, perfino piu' di quanto possa fare un avvenimento apparentemente importante (tanto per fare un per esempio l'incontro con una persona o l'incontro di un'altra persona a noi vicina con una terza persona, sarebbe come dire che l'andamento della nostra vita dipende dall'andamento di tutte le altre vite e influisce su di esse). C'e' molto di piu', di diverso o di meglio da dire? CERTAMENTEEE   

Forse per questo abbiamo timore del disordine totale, della assenza di leggi e regole, del caos appunto.

E' il caos o il caso che influisce fin dall'atto del nostro concepimento? Su milioni di spermatozoi, uno solo puo' consegnare all'ovulo il proprio patrimonio genetico, lievemente differente da quello dei suoi "fratelli" in competizione tra loro e con lui. Siamo modellati dal caso o dalla necessita' (Jacques Monod)? C'e' molto di piu', di altro o di meglio da dire? CERTAMENTEEE

Si potrebbe tranquillamente affermare che molte scoperte scientifiche (di cui abbiamo adesso molto bisogno per battere il virus) sono state ottenute per caso, Louis Pasteur amava sottolineare l'importanza dell’osservazione e sosteneva che il caso favorisce solo le menti preparate. Diversi anni dopo le scoperte di Pasteur  Alexander Fleming trovo' coperta di muffa una coltura dimenticata incustodita e dove erano stati sterminati i microrganismi (batteri) che ne facevano parte, la sua assistente voleva buttarla lui invece fu stupito e curioso e volle capire il perche' scoprendo cosi' la penicillina e quindi gli antibiotici. C'e' molto di piu', di altro o di meglio da dire? CERTAMENTEEE

Nel libro la "Guerra dei Mondi", apparso a fine Ottocento, lo scrittore di fantascienza (e horror in questo caso) H G. Wells ha immaginato una invasione della terra da parte di marziani (evolutisi in esseri tutto testa e piccole gambe) dotati di armi di tecnologia superiore, che quando stanno per sopraffare il genere umano vengono trovati tutti morti, uccisi da alcuni microrganismi terrestri da cui gli umani erano immuni. L'autore immagina quindi un sorprendente e inaspettato aiuto dato agli umani dai microrganismi (normalmente ma erroneamente, basti pensare ai vini e ai formaggi, ritenuti sempre dannosi, a causa delle malattie che talvolta procurano) come voler dire che i giudizi vanno dati sempre alla fine e tenendo conto delle circostanze. Cosi' i microrganismi hanno agito a favore degli invasori europei che sono andati alla conquista delle Americhe portandosi dietro malattie che insieme alle armi piu' efficaci hanno sterminato le scarsamente difese popolazioni indigene, come spiega molto bene  Jared Diamond nel suo libro "Armi acciaio e malattie", sottotitolato "Breve storia del mondo  negli ultimi tredicimila anni". C'e' molto di piu', di altro o di meglio da dire? CERTAMENTEEE

Se la vita e' un viaggio in cui si scontrano realta' e illusione e con la fantasia possiamo "vivere" in situazioni immaginarie preferibili alla realta'; allora (dice Giacomo Leopardi) fonte di infelicità e' la  ragione che, dissolvendo le illusioni ci pone di fronte alla realtà. . La vita, un'esistenza dove tutto dipende dal caso consistente in una sequenza di cause ed effetti che si rincorrono (queste due tesi sono il massimo della contraddizione!) su cui influiscono in modo determinante anche accadimenti minimi che si verificano all'improvviso in pochissimo tempo e in pochissimo spazio, a cui tutti partecipiamo subendoli e influenzandoli (e' cosi' che tutto quel che facciamo ha conseguenze molto spesso imprevedibili). C'e' molto di piu', di diverso o di meglio da dire? CERTAMENTEEE
. .

I commenti ("post") da parte dei lettori sono sempre molto apprezzati
in fondo a questa pagina appaiono le caselle "nome" (facoltativo ma gradito) e "mi piace si /no" per i commenti e il tasto "submit" (invio)
poiche' sembra che il tasto invio non funzioni (i commenti non ci pervengono) e non siamo ancora riusciti a farlo funzionare vi chiediamo di inviarci i vostri commenti per e-mail a:   info@karavane.net
chi lo sa fare potrebbe andare a vedere la "sorgente pagina", scoprire cosa manca per far funzionare le caselle e farcelo sapere, GRAZIEEE in anticipo. 

Nome (facoltativo ma gradito):
mi piace si/no e commenti:
                                  

. .            .                                                                          .